in merito al calibro unico

Ciao

Dopo la sperimentazione dello scorso anno, quest’anno abbandoniamo definitivamente il doppio formato per le arance (da tavola e da spremuta), confortati anche dalle risposte al nostro questionario (46% indifferente, 34% bene, meno del 20% male)

Confezioneremo le vostre cassette di legno (vedi qua), facendo in modo che in ogni confezione ci sia un’equa distribuzione tra arance più grandi, che metteremo sotto, e arance più piccole

Naturalmente, poiché gli appezzamenti sono tutti diversi, come diversi l’uno dall’altro sono gli alberi, è possibile che vi ritroverete una volta arance tutte tendenzialmente grandi ed un’altra volta tutte tendenti ai calibri inferiori

Come scrivevamo tanti anni fa, proprio all’inizio di questa bella avventura con voi: “non fidatevi delle apparenze!” e aggiungiamo “specie di quelle condizionate da un mercato che ci vuole tutti schiavi, chi produce e chi mangia i suoi prodotti”

A chi avesse un po’ di tempo a disposizione e predisposizione per la ricerca “scientifica” suggeriamo un piccolo test: pesate un kg di arance tra le più grosse e poi un kg di quelle più piccole; spremetele separatamente e confrontate i pesi delle due spremute; se ci fate conoscere i risultati, ve ne saremo grati; se poi aggiungete qualche osservazione sullo spessore delle bucce, ve lo saremo per l’eternità…

Grazie

ciao