Patto Rete Gas Varese - consorzio Le Galline Felici

13/11/17


Pubblichiamo qui di seguito il patto di collaborazione e solidarietà stipulato tra la Rete Gas Varese e il Consozio:


Patto Rete Gas Varese - consorzio Le Galline Felici

 

Patto di collaborazione e solidarietà

 

PREMESSA

 

I G.A.S. sono nati con uno scopo sostanzialmente politico: l’acquisto veniva considerato come strumento operativo per passare da una fase che possiamo denominare “un altro mondo è possibile” ad una nuova fase che chiameremo “un altro mondo è in costruzione”. Trovare una relazione con i produttori, vera e trasparente, voleva dire “partiamo dalla terra, riappropriamoci del nostro futuro”, sperimentando così alternative concrete alle attuali pratiche istituzionali e di mercato.

 

In questi ultimi anni i GAS stanno vivendo un periodo di moda (come per il biologico), pertanto, chi si avvicina lo fa in genere per acquistare prodotti bio per il proprio benessere fisico, per la qualità e per il prezzo. Tutti valori corretti, ma rivolti fondamentalmente all’io e non al prossimo. L’ampliamento della platea dei gasisti ha diluito lo spirito iniziale dei fondatori, per cui occorre affermare con forza i valori fondamentali quali il consumo critico, il cambiamento dell'economia e la solidarietà.

 

Dall’altra parte, sempre più produttori, a causa anche della crisi, stanno rivalutando il mondo GAS come sbocco interessante per i loro prodotti, potendo usufruire di margini più elevati  e di pagamento certi e rapidi.

Anche per molti di loro la visione è, pertanto, prettamente “egoistica”, in quanto i GAS sono più che altro un business e non dei compagni di viaggio.

 

Quali differenze esistono pertanto tra comprare prodotti biologici al supermercato e comprarli attraverso dei gruppi di acquisto solidali? Alcune importanti diversità ci sono, come, ad esempio, il prezzo al consumatore, più basso grazie anche ad un contributo di lavoro volontario e la percentuale notevolmente maggiore (di quanto del prezzo pagato) che finisce nelle tasche dei produttori. La sensazione però è che manchi qualcosa e che in fondo, a volte, tali differenze siano molto sottili….

 

Rete gas Varese e il Consorzio Galline Felici sono nate però con uno scopo ben preciso, quello di rivolgersi alla collettività con un progetto chiaro volto al cambiamento.

Ciò che si vuole proporre è un cammino insieme, rivolto al “noi” e non all”io”, dove i valori iniziali che hanno caratterizzato la nascita dei GAS possano essere di nuovo riscoperti ed i gasisti e i produttori siano dei “compagni di viaggio” che condividano una visione diversa del “mondo” che vogliamo provare a costruire.

 

IL PATTO

Il patto ha i seguenti obiettivi:

  1. Instaurare una relazione basata sui valori comuni tra gasisti e produttori quali, ad esempio, il rispetto per l’ambiente (produzioni eco-sostenibili), e il rispetto della persona (rispetto delle condizioni di lavoro dei lavoratori, come salute, paga e orario di lavoro).

  2. Instaurare un legame commerciale con una visione tra produttori e gasista di puro scambio e ciò deve partire senz’altro dalla conoscenza reciproca: cosa ne sanno, ad esempio i gasisti dei problemi dei produttori? ..E i produttori delle difficoltà gestionali e logistiche dei GAS?

  3. introdurre un acconto sull'acquisto quale partecipazione al rischio d'impresa e come pre-finanziamento.

  4. trovare delle risorse economiche per promuovere dei progetti per la diffusione dei principi del commercio equo e solidale locale non solo per i GAS, ma anche per la collettività

  5. l’Impegno da parte di Rete Gas Varese è garantire un acquisto minimo di € 20.000 all’anno di prodotti del Consorzio Legallinefelici per tre anni consecutivi e di contribuire al finanziamento di eventuali progetti devolvendo lo sconto ottenuto in base al volume dei prodotti acquistati ( 5-10%)

  6. L’impegno di Galline Felici è garantire che i propri produttori abbiano sempre interesse a cambiare il mondo anche attorno a loro, continuare il loro progetto e devolvere tra il 2-5% degli incassi per i progetti comuni.

 

Alla fine di ogni anno ci sarà un momento di discussione collegiale tra la rete GAS Varese e Legallinefelici per verificare l'andamento del progetto e per, eventualmente, modificarlo o integrarlo. Il Distretto di Economia Solidale di Varese, farà da garante per l’utilizzo appropriato della donazione  per proposte di diffusione sul territorio dei principi del commercio equo e solidale.

 

Tale progetto sarà quindi di paternità della Rete Gas Varese e le Legallinefelici con il patrocinio del DES Va.

 

ESEMPI DI PROGETTI DA FINANZIARE

 

In concreto tale l’importo ottenuto potrà servire a finanziare i seguenti progetti:

  1. Costruire una piattaforma di distribuzione locale per la rete GAS e per le altre realtà del territorio

  2. Costruire una Guida al Consumo Critico on line

  3. Finanziare percorsi di formazione da parte di Legallinefelici per i produttori del territorio affinché possano essere contaminati nel concreto da un sistema che include e che funziona

  4. Realizzare alla fine dei tre anni una festa sul nostro territorio con Legallinefelici

  5. Elaborare e concretizzare progetti di integrazione sociale ed economica nel territorio a favore di soggetti economicamente e socialmente svantaggiati, di cui i  migranti sono, in questo momento, l’emergenza più pressante.

  6. Attività di divulgazione nelle scuole.

  7. Creazione nuovi posti di lavoro legati alla gestione dei GAS, alle produzioni locali, alla sperimentazione di monete alternative.





PRIMI PASSI

Il primo progetto che si è deciso di finanziare è la realizzazione di una "collana di corti"

dal titolo "Che differenza c'e?'" :

1) Che differenza c'e' tra biologico e biologico venduto nelle grandi distribuzioni

2) Che differenza c'e' tra "Gruppo di Acquisto" e "Gruppo di Acquisto Solidale"

3) Che differenza c'e' tra piccoli produttore e grande produttori

4) Che differenza c'e' tra acquistare prodotti locali e non locali

 

Crediamo che i temi indicati sono importanti da divulgare soprattutto nel nostro territorio

e per questo motivo potremmo considerare tale progetto come "locale".

 

Il secondo progetto (che può partire parallelamente al primo appena definito),

sarà legato alla questione dei migranti. L'idea è quella di coinvolgere anche altri soggetti

e sicuramente legarlo alla rassegna"Lo faccio bene Cinefest".

 

Le date dei primi ordini saranno invece verosimilmente le seguenti:

Ordine con apertura il 20/11/16 e chiusura 05/12/16 con consegna entro il 20/12/16.

Ordine con apertura il 25/01/17 e chiusura 10/02/17 con consegna entro il 28/02/17.

Ordine con apertura il 15/03/17 e chiusura 30/03/17 con consegna entro il 15/04/17.

NB: l’idea è di puntare ad un listino sempre più ampio in modo di collaborare con più produttori possibili.

 

___________________________________________________________________________

 

Patto sottoscritto da Rete Gas Varese per i GAS che lo appoggiano - Des Varese - Legallinefelici

 

Gallarate 15/11/2016

Firma per presa visione e accettazione:

Per la Rete Gas Varese__________________________

Gas firmatari:

Per il DES Varese______________________________



Per Legallinefelici______________________________




NOTA INTEGRATIVA 1: COMPOSIZIONE DEL PREZZO

 

Il Consorzio comunica quanto segue:

.

Premessa

  1. considerato che i nostri prezzi di listino sono "drogati" dal costo dei trasporti, incluso nei prezzi, abbiamo calcolato che l'importo che in media realmente riceviamo sui prodotti freschi è il 90% del prezzo di listino; quindi le percentuali riportate sotto si riferiscono a tale 90%

  2. i prodotti freschi vengono pagati al produttore socio con percentuali variabili, secondo il prodotto, tra il 38,10%, al netto di raccolta, trasporto e lavorazione,  e l'81,98% del prezzo di listino ridotto al 90% come sopra esposto, per i prodotti che vengono raccolti, confezionati e trasportati fino in magazzino dai rispettivi produttori

  3. ai produttori non soci va il 10% in meno di tale importo, quindi, per esempio, per le arance, ai soci vanno 55 centesimi, ai non soci 50, al netto di tutte le spese

  4. per comodità di calcolo e per semplificazione, assumiamo come 40% la percentuale media che va ai produttori di prodotti freschi

  5. le percentuali sotto-riportate sono, necessariamente, approssimative e arrotondate, perché variabili da prodotto a prodotto e da situazione a situazione

  6. l'ultima voce di questo elenco è il margine operativo che viene ridistribuito ai soci al termine di ogni annata fiscale; naturalmente variabile in funzione di numerosi fattori; l'anno scorso, per esempio, a chiusura campagna, abbiamo distribuito ai soci il 13% del rispettivo fatturato

 

prodotti freschi

prodotti trasformati

al produttore (acconto conferimenti)

40%

74%

raccolta

7%

 

trasporto al magazzino

3%

 

affitto magazzino + utenze

3%

2%

lavorazione/confezionamento

10%

3%

imballaggi

9%

3%

trasporto a destinazione

15%

5%

amministrazione, consulenti aziendali, cancelleria

4%

4%

fondo responsabilità sociale

2%

2%

promozione e comunicazione

2%

2%

totale costi

95%

95%

margine operativo distribuito ai soci a fine annata (saldo conferimenti)

5%

5%

 

nota: ovviamente, il margine operativo è variabile di anno in anno, secondo un gran numero di variabili; si stabilisce a consuntivo,  potrebbe anche essere negativo, in questo caso i soci devono ripianare la perdita, come accaduto in passato.