E rieccoci qua, pronti per un’altra stagione!

 Accresciuti, di molto dall’apporto di molte nuove energie, dai giovani che, formatisi con noi, cominciano a prendere il nostro posto nella conduzione del Consorzio, dalle tante nuove aziende che entrano a farne parte, ufficialmente, come Gallinefelici, o da “pulcini”, in reciproca osservazione, in particolare 4 nuove cooperative sociali. Siamo (quasi) pronti a partire, nel nuovo capannone che abbiamo affittato e attrezzato grazie all’appassionata partecipazione di un grandissimo numero di gasisti che hanno scritto con noi una pagina memorabile nella storia dell’economia solidale europea!

Accresciuti di molto anche da questa esperienza e dal calore, l’affetto e la condivisione da cui siamo stati cinti

Come l’anno scorso anticipiamo d’una ventina di giorni la partenza “ufficiale”, proponendovi altri prodotti siciliani con maturazione autunnale, dai fichidindia, all’uva, ai mandarini satsuma, ad alcuni ortaggi, in parte in via sperimentale, alle olive da “cunzare”, ai melograni...

Il calendario delle spedizioni è stato pubblicato, il listino quasi del tutto

Per quanto riguarda i trasporti, ci affidiamo ancora alla Elentrasporti di Giarre per portare la nostra “roba” da giù al nord; ma, come altrove anticipato, effettueremo la gran parte delle consegne direttamente, cioè: camion caricato qui e scaricato davanti a casa vostra, con l’obiettivo di farvi conoscere la data e l’ora della consegna almeno una settimana prima (con un’approssimazione di un quarto di giornata)

Naturalmente procede l’azione sociale, ben oltre i confini dei nostri campi, ed in particolare l’azione di diffusione della cultura dell’economia solidale, del ben-vivere e dell’ottimismo fattivo, assieme ai tanti altri che hanno voglia di praticare un cambiamento sostanziale, di relazioni, economiche ed umane, da porto Palo a Liegi.

Tanto altro da dire, ma non c’è tempo, né spazio.

Rimandiamo alle prossime puntate e alla mia pagina personale che spero di riuscire ad aggiornare presto

Anzi, è un impegno che prendo qua…

f.to: robertolicalzi