......il cambiamento che vorremmo........................ .........................ed i cambiamenti in corso.........

 

Tanti sono i cambiamenti che vorremmo, nel mondo e nella nostra società, e per i quali ci adoperiamo con assiduità, a volte anche soffrendo e sbuffando, assieme a molti di voi.

Non ci piace per niente limitarci a speraree quindi agiamo, per quello che possiamo, nel nostro piccolo, cercando in tutti i modi di mettere assieme tante “piccolezze” per comporre un mosaico attivo del mondo che vorremmo

Per questo abbiamo inoculato Siqillyàh, Arcipelago, Ressud, abbiamo coniato Sbarcogas, ideati e fatti gli Sbarchinpiazza e gli Sbarchialsud, i 2 Cartosip e, ultimo nato, ma ancora incapace di camminare con i suoi piedini, il Lo faccio bene cinefest

Sempre tutto assieme a voi, in particolare a quelli di voi che……vai alla fine, giù in basso, se vuoi…

....ma intanto, dentro il consorzio....:

  • Anche per agevolare il cambiamento cui accennavo sopra, entrano nel consorzio nuovi soci e nuove cooperative sociali, in particolare mi piace citare Sprigioniamo Sapori, che opera nelle carceri di Catania e Ragusa producendo ottimi torroni
  • In merito agli altri nuovi ingressi vi delucideremo ed illustreremo meglio dopo l’incontro del direttivo dell’8 settembre, dedicato solo a questo
  • Cambia il sito: stiamo lavorando per renderlo più scorrevole e leggibile; negli anni s’era incasinato un bel po’, aggiungendosi sempre nuovi tasselli alla nostra attività
  • Abbiamo attivato già da alcuni mesi l’ “Uomo di campagna” che gira più volte tutte le aziende osservando, controllando e consigliando e riporta al direttivo; un nostro socio storico, produttore di limoni e tecnico agrario, nonché grande conoscitore delle cave iblee; chi se non Beppe Adernò? Vedo già a distanza un sorriso affettuoso nei volti dei molti di voi che hanno avuto il privilegio di essere condotti da Beppe nelle cave (sorte di canyon) tra laghetti, cascatelle e boschetti di bambù…
  • Abbiamo dovuto cambiare il magazzino di lavorazione, i tanti che sono venuti a visitarci durante la campagna sanno sotto quale inadeguata tettoia lavorassimo; abbiamo affittato un capannone che speriamo possa servire a migliorare il nostro lavoro, possa servire anche ad altri produttori al di fuori del pollaio e, in un futuro non lontano, possa ospitare la PI.DI.DE.FI.CO.SI: Piccola Distribuzione Della Filiera COrta Siciliana, un mio vecchio pallino che ancora non siamo riusciti a mettere in piedi…
  • Da quest’anno, essendo finalmente al coperto, ri-cominceremo ad utilizzare contenitori di cartone, piuttosto che i cestelli di plastica; immagino questa sia una buona notizia per voi.
  • Abbandoniamo i due calibri (misure, pezzature) anche per tarocco e navelina (già lo facevamo per valencia, sanguinelli, moro e vaniglia e per tutti gli altri agrumi) e quindi spediremo cassette miste, così come scendono dagli alberi, avendo cura di uniformarle tra di loro quanto più sarà possibile
  • Altra grande notizia per voi: innanzitutto il nuovo magazzino ci permette di rispettare con più esattezza il calendario, quindi saprete con larghissimo anticipo e discreta certezza i giorni delle consegne; inoltre per la distribuzione riprendiamo il “sistema Riela”: alla partenza del camion da qua saprete, con la precisione del quarto di giornata, quando vi saranno consegnati i prodotti, quindi mediamente con un preannunzio di 48/72 ore; probabilmente, una volta rodato il sistema, potremo fare i piani di carico già alcuni giorni prima della partenza, aumentando così i tempi a vostra disposizione per organizzarvi. Puntiamo a darvi l’orario esatto di consegna con una settimana d’anticipo. Gradito, no?
  • Per poter ottenere questo risultato E’ NECESSARIO CHE NON CI RIVOLGIATE ALCUNA RICHIESTA D’INTEGRAZIONI: ogni richiesta di questo tipo, fosse pure di una cassetta, può modificare la composizione delle pedane e quindi dell’intero carico, costringendoci a rivedere in continuazione i nostri piani e a non potere quindi comunicarveli se non all’ultimo minuto; quindi, nell’interesse comune, ma soprattutto vostro, faremo quello che annunciamo da anni: NON ACCETTEREMO RICHIESTE D’INTEGRAZIONE; ci fareste un grande regalo se non ce le rivolgeste proprio, togliendoci dall’imbarazzo di dovervi dire di no (in fondo, se avete scordato di richiederci una cassetta, basta prendere un’arancia da ogni cassetta che vi arriverà per fare la cassetta mancante….o no?)
  • Crescono i giovani che hanno scelto di fare il loro percorso assieme a noi e quindi cambiano i ruoli operativi dentro la nostra struttura: Barbara non starà più in magazzino e si occuperà di una buona parte di quello che facevo io, in particolare il rapporto con i clienti, ma continuerà a supervisionare a distanza il lavoro di suo figlio Davide e di Manfredi, figlio di Antonio Grimaldi, che dirigeranno il magazzino freschi nel quale si sono fatti le ossa nelle campagne precedenti scartando arance e scaricando cassette
  • Mario passa una parte del suo lavoro nel magazzino trasformati a Stefano, che già collaborava con lui; continuerà ad occuparsi dei rapporti con voi per quanto riguarda i trasformati, ma si occuperà anche delle fiere e della promozione all’estero
  • Gabriele continuerà ad essere l’addetto ai conti noiosi, ma sarà coadiuvato da sua figlia Elisa.
  • Cambia, un po’, anche la squadra degli operai, cominciamo a formare una nuova leva.
  • Ed io (Roberto)? Io arrivo alla fine d’un ciclo, durante il quale ho anche molto gioito e molto ho costruito, ma mi sono anche molto stressato, come molti di voi ben sanno…e sento il bisogno d’iniziarne uno nuovo. Quindi progetto di lasciare la direzione ed il coordinamento del Consorzio alla fine di quest’annata e già da quest’anno passo ad altri (a Barbara, ma soprattutto a Davide, Manfredi e Mario, le forze giovani) buona parte delle mie mansioni portando a conclusione quel lavoro di formazione che era già iniziato negli anni scorsi. Ritorno a fare il contadino a tempo (quasi) pieno, cosa che il coordinamento del Consorzio non rendeva possibile, ma mi occuperò anche di aiutarvi a conoscere l’Altra Sicilia (vedi sotto), possibilmente camminando; numerosi e ambiziosi sono poi i progetti locali nei quali sono coinvolto, appena possibile ne scriverò sulla mia pagina, che non aggiorno da troppo tempo, su questo sito.
  • Cambiano quindi per voi, seppur parzialmente, i contattia cui rivolgersi per la varie questioni; a brevissimo aggiorneremo la relativa pagina e vi preghiamo di attenervi alle indicazioni che troverete su quella pagina, onde velocizzare e razionalizzare le comunicazioni ed evitare di stressarci tutti inutilmente, voi e noi…

….e poi ci sono i cambiamenti dentro di noi…..ma quella è un’altra storia, un’altra pagina…

  • Tanti i cambiamenti, come vedete e vedrete in opera; rimangono le certezze di sempre, la nostra storia, il nostro sforzo a fare sempre meglio, una compagine sociale tesa a migliorare il prodotto, il lavoro, il rapporto con voi, la vostra soddisfazione, ma anche la crescita dell’ambiente e della cultura dell’economia del noi, il nostro non chiuderci nel recinto, la nostra apertura verso il mondo, il nostro impegno sociale, il rapporto di collaborazione costruttiva e creativa con voi e verso un mondo migliore, da costruire a piccoli passi: “la piccola rivoluzione gentile”
  • Rimane Gaslife come sistema per comunicarci le vostre gentili richieste, e lo stiamo migliorando per superare quei piccoli vuoti che a volte si sono creati
  • E rimane la nostra voglia e piacere d’accogliervi, per una cena o per una settimana, di condividere con voi qualche momento; ma stiamo sviluppando un sistema d’accoglienza organizzato (guardiamo già ai prossimi mesi ed in particolare alla prossima estate), per offrirvi una migliore conoscenza delle nostre aziende e dei nostri prodotti, ma anche l’Altra Sicilia in palmo di mano….

Non ci piace limitarci a sperare, l’ho già detto, preferiamo agire.

Ma lasciatemi esprimere una speranza sulla quale il nostro agire può molto ma non basta affatto:

che le parole esprimano davvero il pensiero e si tramutino in azioni conseguenti troppe volte in Italia, nel mondo moderno, gli obiettivi dichiarati, le parole strombazzate nascondono tutt’altri intenti, magari anche esattamente opposti

troppe volte alle parole dette, ai sentimenti enunciati con passione non conseguono affatto le azioni coerenti….

Un grandissimo grazie, quindi, a tutti quelli di voi, la stragrande maggioranza, che ci hanno accompagnato in questi anni partecipando a tutte le nostre iniziative e campagne, dal salvataggio de L’Arcolaio (una bellissima storia molto edificante che racconto a parte a chi allora non c’era), allo Sbarcogas, a “V’accattati na motrici?”, proseguendo con le azioni in corso nel campo della diffusione, specialmente ai più piccoli, della cultura dell’economia solidale, del consumo consapevole e della collaborazione (i 2 cartosip; “tra un’arancia e l’altra” e “e se l’api fussi lavativa?”) e della gioia del fare assieme, in particolare rivolto ai giovani (lo faccio bene cinefest)

Ed un grazie veramente speciale a quelle/i di voi, tanti e soprattutto tante, che di queste campagne si sono fatte paladine….

Buon rientro nel trantran scuola ufficio code corso di danza corso di yoga…

...per fortuna (vostra e nostra) una volta al mese ci sono le gentili richieste….a legallinefelici