Creazione di lavoro in Economia Solidale?

Creazione di lavoro in Economia Solidale?

Buongiorno

La logica originaria, affascinante, dei GAS Italiani e di parte delle AMAP Francesi e dei GAC Belgi è che ogni membro si dà da fare per l’approvvigionamento di un prodotto o di una serie di prodotti, gratuitamente e reciprocamente

Ma abbiamo visto che, al crescere dei numeri dei soci, questa attività diventa molto impegnativa e che spesso si ritrovano sempre le stesse persone a fare tutto e che molti altri usufruiscono “passivamente” di questo servizio

D’altronde, tale impegno benevolo e gratuito diventa talvolta talmente oneroso per chi lo svolge, da indurre i gruppi a porre un limite all’accettazione di nuovi soci dentro il gruppo d’acquisto

Questa rischia di essere una condizione “frenante” per il cambiamento sociale che tutti auspichiamo ed anche per il nostro sviluppo

Sappiamo bene tutti che la vendita diretta dei prodotti agricoli, senza intermediazioni, è la sola possibilità che permette ai piccoli produttori agricoli di sopravvivere e non abbandonare la terra e che permette a chi vuole insediarsi sulla terra di avere una prospettiva

E quindi pensiamo che, se vogliamo che questo fenomeno di vendita diretta si sviluppi, uscendo dall’episodicità e dalla marginalità, per entrare nella statistica a 2 cifre ed essere economicamente e socialmente significativo, occorra provare a fare un piccolo passo avanti

Sappiamo che molti gruppi fanno salti mortali per cercare di remunerare modestamente chi svolge i compiti di raccolta delle richieste da parte dei singoli associati, rapporto con i produttori, accoglienza e smistamento dei prodotti, raccolta dei pagamenti dai soci, conteggi e pagamenti dei produttori

La nostra proposta, di cui abbiamo già parlato informalmente con qualche gruppo, suscitando molto interesse, e su cui vorremmo confrontarci con voi su queste pagine, è la seguente:

  • Noi possiamo maggiorare le vostre fatture e restituirvi tale maggiorazione per remunerare quel lavoro
  • I GRUPPI CHE DECIDERANNO DI ADERIRE ALLA PROPOSTA E SOLO QUELLI, stabiliranno di quanto vorranno che maggioriamo le loro fatture, in percentuale e a chi noi dobbiamo effettuare la rimessa
  • Voi (solo quelli che aderiranno a questa proposta) riceverete le fatture maggiorate della percentuale che voi stabilirete
  • Noi, al pagamento della fattura, effettueremo un versamento dell’importo della maggiorazione al destinatario da voi scelto, decurtato da eventuali oneri di legge 

Esempio:

  • il gruppo Associazione Lesorangesanguines decide che vuole remunerare il proprio contabile/referente col 3% dell’importo delle fatture
  • ci comunica tale percentuale ed il nominativo di chi deve essere il beneficiario (l’associazione o un singolo, a vostra scelta)
  • Lesorangesanguines fa una gentile richiesta il cui importo è 10mila euro
  • Riceverà una fattura, maggiorata, di 10.300 euro
  • Non appena Legallinefelici riceverà il pagamento della fattura, verserà i 300 euro a chi sarà stato designato da Lesorangesanguines, sotto forma di donazione, se designata è l’associazione, o sotto forma di prestazione occasionale, se designata è una persona fisica 

Naturalmente, anche questa è solo una proposta, che ci piacerebbe condividere e discutere con voi su questa pagina 

A noi, prima di passarvi la parola, preme sottolineare ancora una volta come questa proposta, se accolta, pone le condizioni perché da questi nostri scambi si crei altra economia, posti di lavoro, specialmente per i giovani 

Se riteniamo che quello che stiamo facendo assieme non si limiti alla soddisfazione di alcuni bisogni, ma che sia un banco di prova di “un’altra società”, di un altro modo di vivere l’economia e le relazioni, dobbiamo coinvolgere i giovani, il futuro, in questa attività 

Beneficiando con ciò, anche dell’apporto dell’energia, della creatività e dell’innovazione di cui i giovani possono essere portatori e, allo stesso tempo, cercando di trasmettere  a loro un patrimonio di valori acquisito attraverso le nostre lunghe esperienze

 

Grazie per l’attenzione e la partecipazione a questo scambio